Comunicato stampa

Anteprima mondiale: Pierre Fabre presenta il Green Impact Index

10 Giugno 2021

Il primo strumento studiato per misurare, migliorare e comunicare, tramite una classificazione alfabetica A, B, C o D, l'impatto ambientale e sociale dei prodotti cosmetici e per la salute della famiglia mediante una metodologia convalidata e approvata da AFNOR Certification


Castres, 10 giugno 2021 – Il Gruppo Pierre Fabre conferma il proprio impegno per l'innovazione presentando il Green Impact Index, uno strumento che consente di misurare e comunicare in modo trasparente l'impatto ambientale e sociale dei prodotti cosmetici e per la salute della famiglia. Grazie al Green Impact Index, i consumatori potranno conoscere le performance eco-sociali dei prodotti del Gruppo tramite una classificazione alfabetica semplice e intuitiva (A, B, C o D). Un punteggio di A o B significa che il prodotto è progettato soddisfacendo un numero sufficiente di criteri di tutela ambientale e sociale secondo parametri di riferimento riconosciuti a livello internazionale. 

Oltre a fornire informazioni ai consumatori, il Green Impact Index consentirà a Pierre Fabre di migliorare il profilo eco-sociale dei propri prodotti con l'obiettivo di avere, entro il 2023, metà del portafoglio progettato in maniera eco-socio sostenibile. Lo strumento è già utilizzato internamente da 2 anni per garantire le performance eco-sociali dei nuovi prodotti (punteggio A o B). 

Il Green Impact Index è stato ideato e sviluppato da Green Mission Pierre Fabre, la divisione del Gruppo che guida e riunisce le iniziative di naturalità e sviluppo ecosostenibile. In particolare, si basa sulle 3.000 Analisi del Ciclo di Vita (LCA) di prodotti o imballaggi effettuate dal Gruppo in più di 10 anni, con l'obiettivo di sviluppare una metodologia basata sulla valutazione di 20 criteri: 

  • 14 criteri di valutazione dell'impatto ambientale suddivisi tra eco-design del packaging, eco-design della formula, impatto della fabbricazione del prodotto e trasporto delle materie prime. Questi 14 criteri influiscono per 2/3 sulla valutazione finale.
  • 6 criteri di valutazione dell'impatto sociale che vertono sulle certificazioni o label Made in France, Biologico, Commercio equo e solidale, Origine francese garantita e Vegan, nonché sui programmi di impegno sociale del marchio. Questi 6 criteri influiscono per 1/3 sulla valutazione finale.  

L'affidabilità e la solidità della metodologia sono state valutate e approvate da AFNOR Certification, un ente terzo indipendente. AFNOR Certification esegue un audit annuale al fine di verificare e garantire la correttezza delle valutazioni condotte da Pierre Fabre sui propri prodotti. 

L'implementazione del Green Impact Index avverrà gradualmente. I punteggi dei primi prodotti dei marchi Avène, A-Derma, Ducray, Klorane, René Furterer, e Naturactive sono già disponibili sul sito corporate del Gruppo. Queste prime valutazioni coprono un'ampia varietà di categorie (shampoo a risciacquo o shampoo secco, gel doccia, creme per la cura del viso e del corpo, trattamenti per le pelli grasse a tendenza acneica, oli essenziali, integratori alimentari, ecc.) al fine di dimostrare l'adattabilità del Green Impact Index a tutti i tipi di cosmetici e prodotti per la salute della famiglia. Altri prodotti saranno valutati e pubblicati su base mensile e i punteggi saranno visibili direttamente sui siti web dei marchi entro la fine dell'anno.    
 

Image
CEO Eric DUCOURNAU @Pierre Fabre

Il Green Impact Index è una risposta alla crescente sfiducia dei consumatori e dei pazienti nei confronti della capacità dei brand di rispettare l'ambiente, di impegnarsi a livello sociale e di comunicare in maniera trasparente e verificabile. In Pierre Fabre abbiamo sempre prestato grande attenzione a queste tematiche e il Green Impact Index ne è oggi la prova tangibile. Per la prima volta i consumatori potranno scegliere un prodotto cosmetico o per la salute della famiglia conoscendone l'impatto eco-sociale e con la certezza di avere a disposizione informazioni affidabili, dettagliate ed esenti da manipolazioni.

Eric Ducournau
Direttore Generale del Gruppo Pierre Fabre
Image
Portrait Florence Guillaume

Il Green Impact Index è un sistema di valutazione semplice, scientificamente valido e trasparente. Permetterà a tutti di fare scelte consapevoli, in linea con le proprie convinzioni, e di consumare in modo più responsabile.  Inoltre, ci consentirà di crescere. I suoi 20 criteri stanno già guidando il lavoro dei nostri tecnici e ricercatori per migliorare il profilo eco-sociale dei nostri prodotti. Incoraggiano inoltre i nostri marchi a partecipare a programmi a favore di biodiversità, educazione terapeutica, associazioni di pazienti o lotta alla precarietà.

Florence Guillaume
Direttrice Green Mission Pierre Fabre

Abbiamo più di 10 anni di esperienza nelle analisi ambientali dei prodotti. Pierre Fabre è stato uno dei pionieri della sperimentazione francese e poi europea dell'etichettatura ambientale. Oggi siamo i primi a offrire una valutazione socio-ambientale utilizzabile sia sui cosmetici sia sui prodotti per la salute della famiglia. La nostra metodologia è particolarmente esigente: concentra l'intera valutazione sulle fasi del ciclo di vita del prodotto gestite dal produttore e si basa su standard, label e parametri di riferimento ufficialmente riconosciuti.

Séverine Roullet-Furnemont
Direttrice CSR e Sviluppo sostenibile presso la direzione Green Mission Pierre Fabre

Con il Green Impact Index, Pierre Fabre si inserisce in un processo di trasparenza e miglioramento continuo, di cui abbiamo valutato e confermato sia la solidità che l'affidabilità. Siamo lieti che un gruppo come Pierre Fabre partecipi alla valutazione e diffusione delle informazioni sulle prestazioni ambientali e sociali dei prodotti, di cui la recente legge francese sulla lotta agli sprechi e l'economia circolare (legge AGEC) ha approvato il principio.

Erwan Chagnot
Auditor senior di RSE AFNOR

Informazioni sulla Green Mission Pierre Fabre 

Creata nel 2019, la Green Mission Pierre Fabre rappresenta è un'unita aziendale integrata nel modello di business che persegue obiettivi di ecosostenibilità ed eco-socio sostenibilità all'interno del Gruppo Pierre Fabre. Riunisce tutte le iniziative del Gruppo in termini di CSR e sviluppo sostenibile, affinché Pierre Fabre possa contribuire all'obiettivo globale delle emissioni zero entro il 2050 stabilito nell'Accordo sul clima di Parigi del 2015. 
In questa prospettiva di lungo periodo, il Gruppo Pierre Fabre si è posto obiettivi ambiziosi e misurabili a breve e medio termine:

  • Dal 2020, il 100% dei nuovi prodotti è progettato in maniera eco-socio sostenibile 
  • Entro il 2023, il 50% del catalogo prodotti sarà progettato in maniera eco-socio sostenibile
  • Entro il 2025, riduzione del 30% delle emissioni di CO2 rispetto al 2015
  • Entro il 2025, riduzione del 25% dei consumi energetici rispetto al 2015
  • Entro il 2025, il 25% dell'energia utilizzata dagli stabilimenti sarà ottenuta da fonti rinnovabili

A partire dal 2012 la politica RSI del Gruppo viene valutata da un organismo esterno sulla base dello standard ISO 26000. Dal 2015, AFNOR Certification ha riconosciuto a Pierre Fabre il giudizio "Esemplare" del suo standard AFAQ 26000, il primo per un'azienda francese con quasi 10.000 dipendenti. 
Nel 2020, Ecocert Environnement ha valutato per il secondo anno consecutivo l'approccio di responsabilità sociale e ambientale del Gruppo secondo lo standard di sviluppo sostenibile ISO 26000 e ha confermato il riconoscimento del livello "Eccellenza". 

Informazioni su Pierre Fabre 

Pierre Fabre è il secondo laboratorio dermocosmetico al mondo, il secondo gruppo farmaceutico privato francese, nonché la principale azienda francese di prodotti non soggetti a prescrizione venduti in farmacia. Il suo portfolio comprende numerosi franchising sanitari e marchi internazionali tra cui Pierre Fabre Oncologie, Pierre Fabre Dermatologie, Eau Thermale Avène, Klorane, Ducray, René Furterer, A-Derma, Naturactive e Pierre Fabre Oral Care
Nel 2020 Pierre Fabre ha registrato un fatturato di 2,3 miliardi di euro, di cui il 65% sul mercato internazionale. Fondato nel sud-ovest della Francia (Occitania), dove si trova tutt'oggi la sua sede principale, il Gruppo produce oltre il 95% dei suoi prodotti in Francia, occupa circa 10.000 persone in tutto il mondo e distribuisce i suoi prodotti in 130 paesi.
Pierre Fabre è detenuta all'86% dalla Fondation Pierre Fabre, riconosciuta come ente di pubblica utilità, e secondariamente dai suoi dipendenti attraverso un piano di azionariato.

Per maggiori informazioni visitare il sito web www.pierre-fabre.com, @PierreFabre


Contatto stampa Pierre Fabre Italia

Laura Rambone
laura.rambone@pierre-fabre.com