Salvaguardare la biodiversità

Poiché la nostra azienda è nata grazie alle piante e la natura rimane la nostra principale fonte di ispirazione giorno dopo giorno, proteggerla è un dovere.

Image
paysage soleil couchant

Oggi, circa il 40% del nostro fatturato deriva da risorse provenienti dalla valorizzazione del mondo vegetale. Nei prodotti sviluppati dal gruppo vengono utilizzate più di 240 piante.
Siamo convinti che la natura rappresenti ancora un favoloso campo di esplorazione ed è lì che troveremo le medicine e le cure di domani.

Allora, se la natura non è di nessuno, spetta a noi occuparcene. Utilizzarla con saggezza permettendole di rigenerarsi, fare tutto il possibile per proteggere le specie in pericolo, far scoprire il "genio" vegetale e trasmettere la passione per le piante alle giovani generazioni: è questo ciò che cerchiamo di fare attraverso numerosissime iniziative realizzate sin dalla nascita dell'azienda, giorno dopo giorno.

0%

delle piante utilizzate dal Gruppo è approvvigionato senza alcun impatto sulla sostenibilità delle risorse.

Image
calendula trois femmes
0%

delle piante estratte nel nostro impianto di estrazione è coltivato senza l'utilizzo di trattamenti fitosanitari chimici

Image
feuilles de myrte
0

specie conservate presso i nostri 2 conservatori botanici

Image
cactus-madagascar

 

Conservatori e giardini botanici

Nel 2001, il Gruppo ha aperto il suo primo conservatorio botanico a Soual, nella regione francese del Tarn. Il secondo conservatorio è stato inaugurato qualche anno dopo a Ranopiso, nel sud del Madagascar, un'area dove il 90% delle specie vegetali è di origine endemica. Luoghi di ricerca, salvaguardia e conservazione, messi insieme ospitano quasi 1.000 specie, di cui oltre 300 sono minacciate. Questi centri contribuiscono alla conoscenza del Gruppo e dei suoi ricercatori sulla diversità botanica.

Poiché crediamo che la conservazione delle specie in via di estinzione sia una lotta che deve essere condotta da più soggetti, manteniamo stretti legami con molte istituzioni francesi e internazionali: il Conservatorio Botanico Nazionale di Brest, l'Orto Botanico Reale di Sydney, l'Orto Botanico di Buenos Aires, l'Orto Botanico di Pechino o il Botanic Gardens Conservation International.

 

Image
protéger biodiversité

 

Per sviluppare queste relazioni internazionali, il Conservatorio di Soual si basa in particolare sull'accreditamento CITES (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora), una procedura che facilita gli scambi tra scienziati e istituzioni scientifiche che si occupano di ricerca, conservazione e salvaguardia della diversità vegetale. Pionieri di questa iniziativa, siamo stati il 1° organismo privato francese ad ottenere questo accreditamento nel luglio 2010.

Fedele alla tradizione botanica, il Conservatorio di Soual ha costruito nel corso degli anni un erbario di quasi 9.000 tavole. Per rendere accessibile al maggior numero possibile di persone questa fonte di conoscenza, abbiamo avviato un processo di digitalizzazi